per chi ama la musica

“Non ci sono re in America”, ira Biden dopo sentenza Corte Suprema su Trump

(Adnkronos) – Con un duro discorso pronunciato alla Casa Bianca, il presidente Joe Biden ha condannato la decisione della Corte Suprema che ieri ha stabilito come i presidenti abbiano un’assoluta immunità dai procedimenti giudiziari per atti ufficiali fondamentali. Biden ha così lanciato un severo avvertimento su un possibile secondo mandato per l’ex presidente Donald Trump. “Non ci sono re in America. Ognuno di noi è uguale davanti alla legge. Nessuno, nessuno è al di sopra della legge, nemmeno il presidente degli Stati Uniti", le parole del presidente riportate da Cnn. "Con la decisione della Corte Suprema sull’immunità presidenziale, la situazione è cambiata radicalmente. A tutti gli effetti pratici, non ci sono praticamente limiti a ciò che il presidente può fare. È un principio fondamentalmente nuovo ed è un precedente pericoloso perché il potere dell’ufficio non sarà più limitato dalla legge, inclusa la Corte Suprema degli Stati Uniti", ha tuonato Biden nel discorso alla Casa Bianca. Il discorso, spiega ancora Cnn "particolarmente politico, arriva in un momento critico per la campagna di Biden, con il numero uno Usa uscente che sta cercando di respingere le persistenti preoccupazioni sulla sua età, esacerbate dalla sua performance nel dibattito presidenziale della scorsa settimana. La sua performance instabile ha suscitato ansia tra alcuni dei suoi principali donatori e ha sollevato domande scomode per i democratici sull’opportunità della candidatura" e sulla possibilità di "restare altri quattro anni alla Casa Bianca". Durante il discorso "Biden è apparso vigile, leggendo energicamente da un gobbo nella Cross Hall della Casa Bianca. Ma non ha risposto alle domande, allontanandosi subito dopo la sua dichiarazione scritta, durata cinque minuti", nota l'emittente Usa. Nel discorso "Biden ha fatto riferimento all’insurrezione del 6 gennaio 2021 al Campidoglio degli Stati Uniti e l’ha definita 'uno dei giorni più bui della storia d’America'. Ha detto che la decisione della Corte ha reso improbabile che Trump debba affrontare un processo per le accuse penali legate a quella rivolta prima delle elezioni". "So che rispetterò i limiti dei poteri presidenziali che ho avuto per tre anni e mezzo, ma qualsiasi presidente – incluso Donald Trump – sarà ora libero di ignorare la legge", ha detto ancora Biden. Il presidente uscente, che ha fatto della protezione della democrazia un principio centrale della sua campagna, ha descritto quindi la decisione come un modello più ampio della Corte Suprema volto a minare "un’ampia gamma di principi giuridici consolidati da tempo" e che ora saranno solo gli elettori ad avere l’ultima parola nel ritenere Trump responsabile. “Il popolo americano deve decidere se vuole affidare la presidenza a Donald Trump, sapendo ora che sarà ancora più incoraggiato a fare ciò che vuole ogni volta che lo desidera", ha ammonito Biden, aggiungendo: "Sono d’accordo con il dissenso del giudice Sotomayor, secondo cui 'in ogni uso del potere ufficiale, il presidente è ora un re al di sopra della legge. Temendo per la nostra democrazia, dissento'. Anche il popolo americano dovrebbe dissentire. Non sono d'accordo", le parole del presidente Biden. La Corte Suprema, spiega la Cnn, con i voti favorevoli dei 6 giudici di orientamento conservatore e con quello contrario dei tre liberal ha stabilito che Trump può rivendicare l'immunità dai procedimenti penali per alcune delle azioni intraprese come presidente prima di lasciare l'incarico, ritardando probabilmente il processo sulle accuse relative alle sue azioni del 6 gennaio 2021. La sentenza respinge così la decisione di una Corte d'appello federale di febbraio, secondo la quale l'ex presidente non godeva di immunità per presunti crimini commessi durante la sua presidenza per manipolare i risultati delle elezioni del 2020. Biden ha ripetutamente avvertito che i limiti del potere del presidente ora dipendono esclusivamente dal titolare della carica e dalle scelte che il presidente compie e che Trump sarebbe un pericolo in quel ruolo. La decisione della Corte consente tecnicamente al consigliere speciale Jack Smith di andare avanti con il suo caso contro Trump, ma lascia molte questioni tecniche irrisolte, rendendo sempre più improbabile che un processo possa iniziare prima delle elezioni di novembre. Il caso di Smith ora ritorna ai tribunali di grado inferiore, che devono esaminare le misure specifiche adottate da Trump per ribaltare i risultati delle elezioni del 2020 e se tali azioni fossero ufficiali, e quindi coperte da immunità, o private. La maggioranza ha affermato che le conversazioni di Trump con il Dipartimento di Giustizia – i suoi sforzi per cercare di coinvolgere i funzionari nel tentativo di ribaltare le elezioni – sono state coperte da assoluta immunità. Per altre azioni ufficiali e maggiori poteri di routine detenuti dal presidente, la corte ha affermato che esiste almeno una certa immunità e ha in gran parte rinviato ai tribunali di grado inferiore il compito di risolvere la questione. Questo è un processo che potrebbe richiedere settimane o addirittura mesi. Forse ancora più importante, nota la Cnn, "la maggioranza della Corte ha chiarito che gli atti ufficiali non possono essere considerati affatto come prove in un potenziale processo, il che potrebbe rendere molto più difficile per Smith vincere. Il Presidente della Corte Suprema John Roberts ha anche scritto che i tribunali di grado inferiore potrebbero non prendere in considerazione le motivazioni dell’ex presidente, il che potrebbe consentire agli avvocati di Trump di sostenere che non stava affatto tentando di ribaltare un’elezione a suo favore". La decisione della Corte Suprema ha avuto un effetto immediato: il team legale di Trump ha presentato un documento cercando di contestare la condanna dell'ex presidente nel suo processo penale a New York basato sulla sentenza dell'Alta Corte sull'immunità presidenziale, ha detto una fonte alla Cnn L'avvocato di Trump ha quindi presentato la lettera al giudice Juan Merchan chiedendo il permesso di presentare una mozione per contestare il verdetto, ha detto ancora la fonte alla Cnn. Se il giudice consentirà a Trump di presentare la mozione, ciò potrebbe ritardare la sentenza del tycoon – fissata per la prossima settimana – per consentire alle parti lavorare ancora sul caso dopo gli ultimi sviluppi.   —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)